• Oknoplast a La Spezia

    Serramenti in PVC di ottima qualità


    Oknoplast è il marchio leader in Europa nel settore di serramenti in PVC.

    Il Gruppo Oknoplast è una realtà dinamica e all’avanguardia, specializzata da oltre vent’anni nella produzione di serramenti in PVC d’alta gamma. L’azienda nasce nel 1994 a Cracovia e fin dagli esordi, innovazione, design e qualità sono state le basi della filosofia aziendale Oknoplast.


    Dietro ogni prodotto ci sono creatività, attenzione ai dettagli e materiale di prima qualità, che hanno permesso di creare finestre brevettate come le linee Platinium, Platinium Evolution, Winergetic Premium e Winergetic Premium Passive che, grazie al design elegante e raffinato, sono pensate come un vero elemento d'arredo per la casa. Oltre al design ricercato e originale, gli infissi in Oknoplast, si distinguono per un eccellente isolamento termico e acustico, sicurezza e innumerevoli soluzioni rivolte al benessere della casa.


    Perché abbiamo scelto Oknoplast


    Oknopalst risponde esattamente alle nostre necessità di un prodotto affidabile e di qualità ai massimi livelli, che unisce in sé funzionalità e design.


    Abbiamo sposato appieno la filosofia aziendale di Oknoplast, simile alla nostra soprattutto per quanto riguarda la cura del prodotto sotto tutti i suoi aspetti.


    Queste le caratteristiche principali dei prodotti Oknoplast:


    Qualità e durata 

    Una finestra Oknoplast è fatta per durare nel tempo. Questo è possibile solo grazie all’attenzione minuziosa per la qualità di ciascun prodotto.


    Design e innovazione 

    Il legame tra design e tecnologia è fondamentale: la finestra è concepita come oggetto funzionale, capace di dialogare con l’arredamento della casa.


    Benessere 

    Una buona ventilazione degli ambienti domestici evita l’accumulo di aria umida e inquinata, garantendo salute e benessere a coloro che li vivono.


    Sicurezza 

    Abbiamo pensato di rendere la vostra casa sicura per farvi sentire più protetti. Le nostre finestre sono dotate di dispositivi di sicurezza già nella versione standard.


    Stabilità e resistenza

    Per garantire la stabilità nel tempo delle vostre finestre vengono utilizzati i rinforzi interni in acciaio. Il rinforzo del telaio a struttura tubolare chiusa, piegato cinque volte nell’anta, garantisce un'eccellente rigidità e funzionalità del serramento.


    Certificazioni 

    Oknoplast è particolarmente attenta alla qualità di tutti i serramenti e al continuo monitoraggio della produzione. Ogni finestra viene sottoposta a severe verifiche dopo ciascun passaggio del ciclo di lavorazione, secondo uno specifico programma di controllo. Questo permette di attestarne la conformità ai requisiti di sicurezza previsti dalle direttive comunitarie e di applicare il marchio CE. Ulteriore valore aggiunto è il rispetto di elevati standard di sostenibilità che collocano l’azienda tra i Partner CasaClima.

  • DETRAZIONI FISCALI SERRAMENTI: AL 65% PER TUTTO IL 2016


    L’Ecobonus previsto dalla Legge di Stabilità e che interessa anche la sostituzione dei vecchi serramenti con serramenti ad alto isolamento termico, è stato prorogato a tutto il 2015 mantenendo le percentuali favorevoli già attive nel 2014: detrazioni fiscali al 65% e detrazioni fiscali al 50% per i lavori di ristrutturazione.


    I serramenti in PVC FAS garantiscono prestazioni ottimali e funzionali a raggiungere l’obiettivo del risparmio energetico. Le caratteristiche del PVC e la qualità degli eventuali vetri che completano gli infissi garantiscono elevato isolamento termico e di conseguenza un consistente risparmio energetico.


    Scheda informativa

    L'agevolazione consiste in una detrazione dall'Irpef o dall'Ires ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. In particolare, la detrazione, che è pari al 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015, è riconosciuta se le spese sono state sostenute per:
    • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
    • il miglioramento termico dell'edificio (coibentazioni - pavimenti - finestre, comprensive di infissi)
    • l'installazione di pannelli solari
    • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.


     La detrazione spetta per le spese sostenute, e rimaste a carico del contribuente (per es. non incentivati dal Comune) per:
    • interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, che ottengono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati in un’apposita tabella (i parametri cui far riferimento sono quelli definiti con decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010). Il valore massimo della detrazione è pari a 100.000 euro
    • interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro. La condizione per fruire dell’agevolazione è che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, espressa in W/m2K, in un’apposita tabella (i valori di trasmittanza, validi dal 2008, sono stati definiti con il decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010). In questo gruppo rientra anche la sostituzione dei portoni d’ingresso, a condizione che si tratti di serramenti che delimitano l’involucro riscaldato dell’edificio verso l’esterno o verso locali non riscaldati e risultino rispettati gli indici di trasmittanza termica richiesti per la sostituzione delle finestre
    • l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università. Il valore massimo della detrazione è di 60.000 euro
    • interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. La detrazione spetta fino a un valore massimo di 30.000 euro
    • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro
    • interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, con un limite massimo della detrazione pari a 30.000 euro.


    Chi sono i beneficiari dell’eco bonus?

    Possono fruire dell’eco bonus 65% per il risparmio energetico tutti i contribuenti residenti e non, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento. In particolare, sono ammessi all’agevolazione:

    • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni.
    • inquilini, comodatari e altre figure previste dalla normativa.
    • familiari conviventi con il possessore o detentore dell’immobile (per la legge italiana “familiare” viene considerato: il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado).
    • coloro che accedano alla detrazione attraverso un passaggio di proprietà dell’immobile oggetto dell’intervento edilizio in corso o terminato per una successione mortis causa o una compravendita acquisendo anche la fruizione della parte restante del beneficio fiscale.
    • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali).
    • le associazioni tra professionisti.
    • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività̀ commerciale.
    • i titolari di un diritto reale di godimento (proprietario, locatario, usufruttario e tutti gli altri casi previsti dalla legge) sull’immobile oggetto dell’intervento.


    TIPOLOGIE EDILIZIE INTERESSATE

    L’agevolazione per la riqualificazione energetica – a differenza di quella per le ristrutturazioni, riservata ai soli edifici residenziali – interessa i fabbricati esistenti di tutte le categorie catastali (anche rurali) compresi quelli strumentali.

    Sono esclusi quindi dalle detrazioni fiscali gli interventi effettuati durante la costruzione dell’immobile.